Il mito del Cane Dominante

 

 

IL MITO DEL CANE DOMINANTE

di Angelica Da Ronco (educatore cinofilo)

 

È uno dei termini più ambigui della cinofilia: c’è chi pensa sia la spiegazione di qualsiasi comportamento del cane e chi la considera quasi una parla tabù… ma che cos’è davvero la dominanza?

Cerchiamo una volta per tutte di analizzarne il significato, i contesti in cui viene utilizzato in etologia per dare finalmente un senso ad un termine che ormai ha delle implicazioni su moltissimi aspetti della convivenza con il nostro migliore amico. 

Partiamo dagli inizi e andiamo a guardare che cos’è la dominanza nel regno animale:

 

Cosa vuol dire dominanza

In etologia il termine “dominanza” è molto usato con un significato ormai univoco e accettato.

Indica una relazione tra due individui instaurata dopo una serie di interazioni agonistiche: il vincitore sarà definito il soggetto dominante mentre il perdente quello subordinato.

Il comportamento agonistico in questa situazione è profondamente diverso da una aggressione qualsiasi: gli etologi riconoscono in queste interazioni un’intenzione di fondo di cercare un vincitore e un vinto, di stabilire una relazione, piuttosto che di lasciarsi cadere nell’escalation della violenza.

L’assenza di violenza è un aspetto molto importante: la comunicazione animale usa molto il tatto, e può essere anche molto energica. La differenza tra comunicazione e aggressione sta proprio nell’emozione di fondo: in una competizione da dominanza, per quanto lo scontro possa sembrare pesante, non c’è perdita di autocontrollo da parte dei contendenti.

Se il gruppo sociale è composto da più di due individui, è possibile, che si crei una gerarchia transitiva, in cui il soggetto alfa è dominante su beta, beta è subordinato ad alfa ma dominante su gamma e così via, fino ad arrivare al soggetto omega, sottomesso a chiunque.

La relazione di dominanza può essere temporanea, ad esempio tra due individui che si contendono la priorità ad una risorsa: esaurito il tema della disputa anche la gerarchia scompare; tuttavia anche nei gruppi sociali stabili i rapporti di dominanza non sempre sono duraturi ma possono variare a seconda delle circostanze.

E questo mette in discussione la tesi secondo cui “leader si nasce”.

 

Dominanza e Aggressività

La definizione di dominante è “colui che detiene il potere”.

Partiamo dal presupposto che il cane sia un animale sociale e che viva in una struttura gerarchizzata come i lupi, quindi andiamo a guadare nei progenitori del nostro migliore amico come funziona la detenzione del potere.

I primi studi sui branchi di lupi sono stati svolti negli anni Sessanta: si trattava di lupi in cattività, in cui gli animali si ritrovavano spesso a dover convivere in branchi creati artificialmente e in spazi ristretti o comunque limitati. Quello che si osservò furono frequenti aggressioni  (spesso anche letali), e subito si pensò che la gerarchia fosse basata sulla violenza. Un’analisi più attenta però fece emergere che molto spesso qualche esemplare si allontanasse dal branco fino ai confini della riserva: un segnale che forse i lupi cercassero di evitare i conflitti, ma la mancanza di sufficienti spazi impediva loro di disperdersi e frazionare i branchi.

Studi più recenti hanno considerato tutti questi limiti e preso in esame gruppi di lupi allo stato brado, scoprendo che questi animali vivono in realtà in famiglie, dove il rispetto della gerarchia coincide con la devozione dei figli verso i genitori.

In questo scenario non è necessaria la violenza per farsi rispettare, anzi la gerarchia è finalizzata proprio ad evitare episodi violenti, che infatti nei branchi in natura sono quasi assenti.

Proprio come nei gruppi di esseri umani, anche per i lupi è l’autorevolezza e non l’autorità a fare il leader: un buon capo è calmo, ha autocontrollo e ignora le provocazioni. L’aggressività in un gruppo sociale non può essere ammessa in quanto mina la stabilità del gruppo stesso; l’individuo aggressivo pertanto non è il più forte ma al contrario un soggetto problematico dannoso per se stesso e per il branco.

Se vogliamo riprodurre quindi un rapporto basato sulla dominanza con il nostro cane, sarà bene ricordarci di mantenere sempre l’autocontrollo. Ogni gesto o punizione che sia fatto con rabbia infatti sarà visto dal nostro quadrupede come un’aggressione (e di conseguenza la sua reazione sarà un’aggressione o la sottomissione), e non compreso come un atto sociale. Se vogliamo essere dei leader e avere il rispetto del nostro fedele amico, occorre imparare come mostrare la nostra dominanza attraverso l’autorevolezza, senza nessuna forma di rabbia: in questo modo la sua risposta non sarà la sottomissione, ma il rispetto e la collaborazione. Così ci insegna la natura.

cane grande con piccolo 

 

Il mio cane è dominante?

Abbiamo detto che la dominanza è una relazione. La relazione riguarda necessariamente due individui, quindi la dominanza non è una caratteristica della personalità: “il mio cane è dominante” è una frase che non ha nessun significato.

Gli studi sugli animali da branco rivelano che non c’è motivo per cui un individuo di alto rango dovrebbe mantenere la sua posizione sociale se spostato in un altro gruppo.

Leader non si nasce e l’etologia ha abbandonato da tempo questa convinzione: studi statistici sui branchi di lupi suggeriscono che il temperamento di un animale varia a seconda dello stato fisiologico e delle circostanze sociali. È quindi più corretto pensare che le relazioni di dominanza siano determinate da fattori molteplici piuttosto che da “tratti di dominanza”.

Gli studi sui lupi rivelano infatti che a determinare le gerarchie concorrono fattori come età, stato riproduttivo, condizioni nutrizionali, risorse da contendersi; le osservazioni sui cani selvatici del West Bengala indicano inoltre che le dispute relative alla dominanza avvengono solamente nel periodo riproduttivo, suggerendo che la gerarchia per questi animali abbia importanza solamente per quanto riguarda la possibilità di riprodursi. Tutte queste caratteristiche non sono certo parte del patrimonio genetico di un cucciolo!

“Dominanza” è solo una relazione: il comportamento di un animale cambia a seconda delle circostanze come pure il suo ruolo in una società.

Cani Corso giocano 

 

Conclusioni

Credo sia chiaro che il termine “dominanza” non è adatto a spiegare la personalità di un cane; tantomeno serve a scusare i suoi comportamenti aggressivi nei confronti di uomini e animali.

Tuttavia è un termine che ha molto da insegnarci sui cani e sul nostro rapporto con loro. L’importante è non usarlo per stigmatizzare la personalità di un soggetto, cercando scuse per i suoi comportamenti o per i nostri atteggiamenti nei suoi confronti.

Il rapporto con un cane è qualcosa che va continuamente scoperto, come anche la sua personalità. Usare il termine “dominanza” ha assolutamente senso se si cerca di comprenderne il significato e di trasportarlo in un impegno ad avere un rapporto sano di collaborazione e rispetto con il proprio migliore amico: questo ci insegna Madre Natura.

 

 

Bibliografia:

–           Dominanza: realtà o mito?- Barry Eaton- Haqihana Editore, 2003

–           All’altro capo del guinzaglio – Patricia B. McConnel – Ed. TEA, 2003

–           Bradshaw, J.W.S., Blackwell, E.J. and Casey, R.A. (2009) Dominance in domestic dogs – useful construct or bad habit? Journal of Veterinary Behaviour, Clinical Applications and Research, Volume 4, Issue 3, Pages 109-144 (May-June 2009)

–           Mech, L. D. (2008). What Happened to the Term Alpha Wolf? International Wolf, Winter 2008, pp. 4-8. http://www.4pawsu.com/alphawolf.pdf

–           Creel et al. Rank and reproduction in cooperatively breeding African wild dogs: behavioural and endocrine correlates- Behavioral Ecology Vol. 8 No. 3: 298-306

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Forum Leadership e gerarchia con il cane in famiglia

  • Questo topic ha 129 risposte, 25 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 5 anni, 5 mesi fa da fubiano.
Stai visualizzando 15 post - dal 31 a 45 (di 130 totali)
  • Autore
    Post
  • #21496
    Anonimo

      Spero di non aver sbagliato sezione, nel caso non linciatemi! :oops:

      Ho letto con molto interesse il bel articolo di Angelica e volevo fare un paio di commenti.
      Innanzi tutto condivido la linea generale e le conclusioni, aggiungerei solo che gli interessi corporativistici troppe volte fanno perdere il senso della misura.
      Certe volte non serve nemmeno essere etologi per capire, basta osservare.
      Più volte ho avuto modo di dire che per il cane noi non siamo nemmeno dei capibranco, siamo qualcosa di differente anche perché, non dimentichiamolo mai, il cane sa benissimo che lui non è un umano peloso a 4 zampe e noi non siamo cani bipedi e senza peli. Sul senza peli potremmo però discuterne, almeno in alcuni casi! :mrgreen:
      Per il resto sì, il cane di famiglia si sente parte del nostro branco. Con buona pace delle masturbazioni mentali di alcuni autori! :P

      #21498
      espada
      Utente
        • @espada
        #21520
        Andrea
        Utente
        • Località: Roma
        • Genere: Maschio
          • @bravoalfa

          Risposta breve e concisa, il cane è un animale sociale, quindi considera la sua famiglia umana come il suo branco. :-)

          #21521
          Anonimo

            Esatto!!!!!!!!!!

            #21522
            dogbite
            Utente
              • @dogbite

              Si sente parte della famiglia e delle sue dinamiche.

              Sono stato più conciso di te! Ahaha

              #21526
              Andrea
              Utente
              • Località: Roma
              • Genere: Maschio
                • @bravoalfa

                Eh bravo Simone. :P :silly:

                #21540
                dino0977
                Utente
                • Località: Cosenza
                • Genere: Maschio
                  • @dino0977

                  Penso proprio di si, d’accordo e quoto tutto!!!

                  #21554
                  giuliaconpedro
                  Utente
                    • @giuliaconpedro

                    d’accordo,
                    ma dipende anche dalla nostra volontà di renderlo parte della famiglia/branco.
                    un cane che vive esclusivamente in giardino si sentirà ugualmente parte integrante del branco?

                    #21555
                    espada
                    Utente
                      • @espada

                      d’accordo,
                      un cane che vive esclusivamente in giardino si sentirà ugualmente parte integrante del branco?

                      secondo me, assolutamente sì!
                      e proprio per questo soffrirà ancor di più per l’emarginazione, credo incomprensibile dato il suo modello di riferimento (i cani non sono animali solitari)

                      #21557
                      giuliaconpedro
                      Utente
                        • @giuliaconpedro

                        penso anche io che non siano fatti per decidere, un giorno, che chi ‘non li ama non li merita’ e di staccarsi ‘emotivamente’ dalla famiglia…

                        #21560
                        lisa
                        Utente
                          • @lisa

                          E in quanto parte del branco dovrebbe in teoria sentirsi responsabile per i membri di esso penso. Adesso però non so come far capire alla cagnetta che anche i rospi del giardino fanno parte del branco e in quanto tali vanno protetti. Pensavo che prendere uno in mano e baciarlo potrebbe essere un ottimo esempio per la cucciola, ma ho paura che cosi’ si trasforma in un principe ed io non voglio i principi nel giardino, voglio i miei rospi!

                          #21561
                          dogbite
                          Utente
                            • @dogbite

                            Secondo me è proprio quando si sente responsabile dei membri della famiglia/branco che si hanno problemi!

                            #21562
                            Andrea
                            Utente
                            • Località: Roma
                            • Genere: Maschio
                              • @bravoalfa

                              Secondo me è proprio quando si sente responsabile dei membri della famiglia/branco che si hanno problemi!

                              Assolutamente d’accordo il cane deve essere parte integrante della famiglia non il responsabile della stessa. ;-)

                              #21563
                              Anonimo

                                Secondo me è proprio quando si sente responsabile dei membri della famiglia/branco che si hanno problemi!

                                Assolutamente d’accordo il cane deve essere parte integrante della famiglia non il responsabile della stessa. ;-)[/quote]Sottoscrivo!!!!!!!

                                E in quanto parte del branco dovrebbe in teoria sentirsi responsabile per i membri di esso penso. Adesso però non so come far capire alla cagnetta che anche i rospi del giardino fanno parte del branco e in quanto tali vanno protetti. Pensavo che prendere uno in mano e baciarlo potrebbe essere un ottimo esempio per la cucciola, ma ho paura che cosi’ si trasforma in un principe ed io non voglio i principi nel giardino, voglio i miei rospi!

                                I rospi sono prede, non hanno una vita sociale all’interno della tua famiglia! :P
                                E, come dicono gli altri, il cane non deve avere la responsabilità, se ce l’ha lui è perché abbiamo abdicato noi la nostra! ;-)

                                #21564
                                Andrea
                                Utente
                                • Località: Roma
                                • Genere: Maschio
                                  • @bravoalfa

                                  Lisa se fossi in te proverei a darglielo un bacio al rospo non si sa mai. :lol: :silly:

                                Stai visualizzando 15 post - dal 31 a 45 (di 130 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.