Il mito del Cane Dominante

 

 

IL MITO DEL CANE DOMINANTE

di Angelica Da Ronco (educatore cinofilo)

 

È uno dei termini più ambigui della cinofilia: c’è chi pensa sia la spiegazione di qualsiasi comportamento del cane e chi la considera quasi una parla tabù… ma che cos’è davvero la dominanza?

Cerchiamo una volta per tutte di analizzarne il significato, i contesti in cui viene utilizzato in etologia per dare finalmente un senso ad un termine che ormai ha delle implicazioni su moltissimi aspetti della convivenza con il nostro migliore amico. 

Partiamo dagli inizi e andiamo a guardare che cos’è la dominanza nel regno animale:

 

Cosa vuol dire dominanza

In etologia il termine “dominanza” è molto usato con un significato ormai univoco e accettato.

Indica una relazione tra due individui instaurata dopo una serie di interazioni agonistiche: il vincitore sarà definito il soggetto dominante mentre il perdente quello subordinato.

Il comportamento agonistico in questa situazione è profondamente diverso da una aggressione qualsiasi: gli etologi riconoscono in queste interazioni un’intenzione di fondo di cercare un vincitore e un vinto, di stabilire una relazione, piuttosto che di lasciarsi cadere nell’escalation della violenza.

L’assenza di violenza è un aspetto molto importante: la comunicazione animale usa molto il tatto, e può essere anche molto energica. La differenza tra comunicazione e aggressione sta proprio nell’emozione di fondo: in una competizione da dominanza, per quanto lo scontro possa sembrare pesante, non c’è perdita di autocontrollo da parte dei contendenti.

Se il gruppo sociale è composto da più di due individui, è possibile, che si crei una gerarchia transitiva, in cui il soggetto alfa è dominante su beta, beta è subordinato ad alfa ma dominante su gamma e così via, fino ad arrivare al soggetto omega, sottomesso a chiunque.

La relazione di dominanza può essere temporanea, ad esempio tra due individui che si contendono la priorità ad una risorsa: esaurito il tema della disputa anche la gerarchia scompare; tuttavia anche nei gruppi sociali stabili i rapporti di dominanza non sempre sono duraturi ma possono variare a seconda delle circostanze.

E questo mette in discussione la tesi secondo cui “leader si nasce”.

 

Dominanza e Aggressività

La definizione di dominante è “colui che detiene il potere”.

Partiamo dal presupposto che il cane sia un animale sociale e che viva in una struttura gerarchizzata come i lupi, quindi andiamo a guadare nei progenitori del nostro migliore amico come funziona la detenzione del potere.

I primi studi sui branchi di lupi sono stati svolti negli anni Sessanta: si trattava di lupi in cattività, in cui gli animali si ritrovavano spesso a dover convivere in branchi creati artificialmente e in spazi ristretti o comunque limitati. Quello che si osservò furono frequenti aggressioni  (spesso anche letali), e subito si pensò che la gerarchia fosse basata sulla violenza. Un’analisi più attenta però fece emergere che molto spesso qualche esemplare si allontanasse dal branco fino ai confini della riserva: un segnale che forse i lupi cercassero di evitare i conflitti, ma la mancanza di sufficienti spazi impediva loro di disperdersi e frazionare i branchi.

Studi più recenti hanno considerato tutti questi limiti e preso in esame gruppi di lupi allo stato brado, scoprendo che questi animali vivono in realtà in famiglie, dove il rispetto della gerarchia coincide con la devozione dei figli verso i genitori.

In questo scenario non è necessaria la violenza per farsi rispettare, anzi la gerarchia è finalizzata proprio ad evitare episodi violenti, che infatti nei branchi in natura sono quasi assenti.

Proprio come nei gruppi di esseri umani, anche per i lupi è l’autorevolezza e non l’autorità a fare il leader: un buon capo è calmo, ha autocontrollo e ignora le provocazioni. L’aggressività in un gruppo sociale non può essere ammessa in quanto mina la stabilità del gruppo stesso; l’individuo aggressivo pertanto non è il più forte ma al contrario un soggetto problematico dannoso per se stesso e per il branco.

Se vogliamo riprodurre quindi un rapporto basato sulla dominanza con il nostro cane, sarà bene ricordarci di mantenere sempre l’autocontrollo. Ogni gesto o punizione che sia fatto con rabbia infatti sarà visto dal nostro quadrupede come un’aggressione (e di conseguenza la sua reazione sarà un’aggressione o la sottomissione), e non compreso come un atto sociale. Se vogliamo essere dei leader e avere il rispetto del nostro fedele amico, occorre imparare come mostrare la nostra dominanza attraverso l’autorevolezza, senza nessuna forma di rabbia: in questo modo la sua risposta non sarà la sottomissione, ma il rispetto e la collaborazione. Così ci insegna la natura.

cane grande con piccolo 

 

Il mio cane è dominante?

Abbiamo detto che la dominanza è una relazione. La relazione riguarda necessariamente due individui, quindi la dominanza non è una caratteristica della personalità: “il mio cane è dominante” è una frase che non ha nessun significato.

Gli studi sugli animali da branco rivelano che non c’è motivo per cui un individuo di alto rango dovrebbe mantenere la sua posizione sociale se spostato in un altro gruppo.

Leader non si nasce e l’etologia ha abbandonato da tempo questa convinzione: studi statistici sui branchi di lupi suggeriscono che il temperamento di un animale varia a seconda dello stato fisiologico e delle circostanze sociali. È quindi più corretto pensare che le relazioni di dominanza siano determinate da fattori molteplici piuttosto che da “tratti di dominanza”.

Gli studi sui lupi rivelano infatti che a determinare le gerarchie concorrono fattori come età, stato riproduttivo, condizioni nutrizionali, risorse da contendersi; le osservazioni sui cani selvatici del West Bengala indicano inoltre che le dispute relative alla dominanza avvengono solamente nel periodo riproduttivo, suggerendo che la gerarchia per questi animali abbia importanza solamente per quanto riguarda la possibilità di riprodursi. Tutte queste caratteristiche non sono certo parte del patrimonio genetico di un cucciolo!

“Dominanza” è solo una relazione: il comportamento di un animale cambia a seconda delle circostanze come pure il suo ruolo in una società.

Cani Corso giocano 

 

Conclusioni

Credo sia chiaro che il termine “dominanza” non è adatto a spiegare la personalità di un cane; tantomeno serve a scusare i suoi comportamenti aggressivi nei confronti di uomini e animali.

Tuttavia è un termine che ha molto da insegnarci sui cani e sul nostro rapporto con loro. L’importante è non usarlo per stigmatizzare la personalità di un soggetto, cercando scuse per i suoi comportamenti o per i nostri atteggiamenti nei suoi confronti.

Il rapporto con un cane è qualcosa che va continuamente scoperto, come anche la sua personalità. Usare il termine “dominanza” ha assolutamente senso se si cerca di comprenderne il significato e di trasportarlo in un impegno ad avere un rapporto sano di collaborazione e rispetto con il proprio migliore amico: questo ci insegna Madre Natura.

 

 

Bibliografia:

–           Dominanza: realtà o mito?- Barry Eaton- Haqihana Editore, 2003

–           All’altro capo del guinzaglio – Patricia B. McConnel – Ed. TEA, 2003

–           Bradshaw, J.W.S., Blackwell, E.J. and Casey, R.A. (2009) Dominance in domestic dogs – useful construct or bad habit? Journal of Veterinary Behaviour, Clinical Applications and Research, Volume 4, Issue 3, Pages 109-144 (May-June 2009)

–           Mech, L. D. (2008). What Happened to the Term Alpha Wolf? International Wolf, Winter 2008, pp. 4-8. http://www.4pawsu.com/alphawolf.pdf

–           Creel et al. Rank and reproduction in cooperatively breeding African wild dogs: behavioural and endocrine correlates- Behavioral Ecology Vol. 8 No. 3: 298-306

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Forum Leadership e gerarchia con il cane in famiglia

  • Questo topic ha 129 risposte, 25 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 5 anni, 5 mesi fa da fubiano.
Stai visualizzando 10 post - dal 121 a 130 (di 130 totali)
  • Autore
    Post
  • #78718
    desperada
    Utente
      • @desperada

      si è mai girato verso di te per morderti o ha fatto gesti che ti hanno spiazzato esempio un ringhio o altro.

      no, per adesso no. Ringhiare mai, mordermi nemmeno. Come dicevo a volte mordicchia quando voglio farle fare qualcosa che non vuole (pulire le zampe in caso di pioggia, scendere dal divano ecc…) ma mordicchia piano come quando gioca. Mi è già stato consigliato di bloccare sul nascere questi comportamenti con un bel NO secco e un buffetto sulla canna nasale, cosa che sto facendo.

      continuo a non capacitarmi del fatto che nonostante un addestratore presente ci siano ancora ansie e insicurezze profonde. In poche sedute la risposta del cane cambia di poco…. ma dovrebbe cambiare il tuo approccio.

      forse perchè effettivamente mi pare non stia facendo un lavoro su di noi ma solo sul cane… comandi vari (seduta, ferma, terra, porta ecc…). poi abbiamo lavorato sul gioco, abbiamo cercato insieme quale gioco poteva interessarla perchè anche lei ha notato che la cucciola non è attratta da palline, corde ecc. [/quote]

      prendi il quadrupede, portalo in mezzo a un bosco lontano da pericoli, svolgi gli esercizi che ti ha insegnato e inizia una lunga passeggiata senza preoccuparti troppo del cane! Se sta troppo indietro gli dai qualche piccolo segno della tua presenza facendo ranetta con la bocca piuttosto che un andiamo dato con calma o un ehi! Stai tranquilla e goditi la passeggiata…tanto non succede nulla anche se si allontana torna (occhio a non farlo allontanare di mezzo chilometro che non lo vedi più)… altra cosa premio sempre in tasca… Goditi un pò di tempo con lui….

      è quello che sto facendo, prima uscivamo solo con una coppia di amici che ha un cucciolo di apri età, adesso invece usciamo anche da sole.

      Comunque, in generale, cerco di vivere più serenamente il mio rapporto con il cane, ha 4 mesi e come diceva qualcuno ci vuole tempo. Io cerco di puntare, oltre che sulla quantità, sulla qualità…
      Ciò che purtroppo mi crea problema nell’immediato è l’ansia da separazione, i condomini stanno iniziando a lamentarsi e io più che seguire le indicazioni dell’educatore… non so che fare… ma questa forse è una cosa che devo discutere in un thread a parte e non in questo che parla di leadership e attirare l’attenzione del cucciolo…. :dry:

      #78768
      taty
      Utente
        • @taty

        come mai è meglio dare una sberletta sulla testa o canna nasale invece che sul posteriore? :-) grazie

        me lo son chiesta anch’io: io ho dovuto usare la pacca sul sedere solo in un paio di occasioni, da quella volta appena alzo la mano il cane si sdraia letteralmente a terra (e quelle che gli avevo dato non erano forti).
        mentre invece so che nei momenti di gioco dargli le pacche sul sedere aumenta l’eccitazione, lo faccio sempre e lei si diverte ancora di più ;)

        #78784
        ivan898
        Utente
          • @ivan898

          no, per adesso no. Ringhiare mai, mordermi nemmeno. Come dicevo a volte mordicchia quando voglio farle fare qualcosa che non vuole (pulire le zampe in caso di pioggia, scendere dal divano ecc…) ma mordicchia piano come quando gioca. Mi è già stato consigliato di bloccare sul nascere questi comportamenti con un bel NO secco e un buffetto sulla canna nasale, cosa che sto facendo.

          non vedo alcuna gravità in questa cosa, bisognerebbe vederla, magari vuole giocare. ricorda che è un cucciolo, è normale che mordicchi tutto, comprese le mani :). poi sta a te se non vuoi assolutamente che lo faccia fai come ti hanno suggerito. io col mio gli permetto di mordermi le mani ancora ora perché ci divertiamo, ma comunque non si sognerebbe mai di farlo perchè non vuole far qualcosa. c’è una bella differenza tra una mordicchiata da cucciolo per gioco, ed una pinzata. a te sembra aggressiva quando morde oppure ti sembra che giochi?
          ad esempio quando sale sul divano la prenderei di peso e la metterei giu, e le propporei qualcosa di nuovo: e se mi mordicchiasse la asseconderei nel gioco :) ma la cosa importante se sale sul divano e tu non vuoi è che la metti giù finchè non impara a non salire più. non lasciar correre :). se non deve salire, non deve farlo mai.
          il mio ancora ora quando lo asciugo lo ricopro con un telo gigante e si diverte un mondo a mordicchiarlo, mica significa che non mi rispetta o è aggressivo.

          #78838
          Admin
          Admin
          • Genere: Maschio
            • @admin

            Ciò che purtroppo mi crea problema nell’immediato è l’ansia da separazione, i condomini stanno iniziando a lamentarsi e io più che seguire le indicazioni dell’educatore… non so che fare… ma questa forse è una cosa che devo discutere in un thread a parte e non in questo che parla di leadership e attirare l’attenzione del cucciolo…. :dry:

            il topic c’è già:

            https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/12-comportamento-e-istinto/1445-l-ansia-da-separazione-dei-cani

            ma quasi sempre non si tratta di vera “ansia” (che è una patologia clinicamente riscontrabile).

            consigliamo sempre, per lasciare il cane tranquillo, di chiuderlo in un kennel o comunque in uno spazio estremamente contenuto.
            meno spazio ha, più il cane si tranquillizza, si sente protetto, in tana.
            meglio se non viene disturbato da rumori o altri stimoli.

            quindi, ad esempio, il posto peggiore dove lasciare un cane quando si esce è nel soggiorno-ingresso all’americana, vicino alla porta d’entrata di casa.

            #78975
            gcb
            Utente
              • @gcb

              si è parlato di obbedienza in rapporto ad alcune razze, e si è citato il mastino tibetano. Correttamente è stato detto che alcune razze non sono fatte per obbedire, e questo è vero. quando si parla di cani selezionati per millenni con lo scopo di prendere decisioni in autonomia e poi si pretende di insegnargli ad obbedire ad un comando si agisce in maniera irrazionale. comunque sia, delle due l’una, o quei cani obbediscono quando non ce n’è bisogno(vale a dire che tornano sempre tranne quando hanno puntato un intruso che aggrediranno con tutte le loro forze fregandosene bellamente dei tuoi ordini) oppure non sono il mio ideale di mastino tibetano. e andrebbero chiamati con il loro nome, vale a dire border collie. :-P
              la gestione “vera” di determinati cani non passa attraverso i comandi tradizionali: i cani non sono tutti uguali “dentro” e questo è vero nonostante una certa corrente di addestratori si affanni a dire e ripetere il contrario…

              #79580
              desperada
              Utente
                • @desperada

                Ciò che purtroppo mi crea problema nell’immediato è l’ansia da separazione, i condomini stanno iniziando a lamentarsi e io più che seguire le indicazioni dell’educatore… non so che fare… ma questa forse è una cosa che devo discutere in un thread a parte e non in questo che parla di leadership e attirare l’attenzione del cucciolo…. :dry:

                il topic c’è già:

                https://www.canedifamiglia.com/index.php/forum/12-comportamento-e-istinto/1445-l-ansia-da-separazione-dei-cani

                ma quasi sempre non si tratta di vera “ansia” (che è una patologia clinicamente riscontrabile).

                consigliamo sempre, per lasciare il cane tranquillo, di chiuderlo in un kennel o comunque in uno spazio estremamente contenuto.
                meno spazio ha, più il cane si tranquillizza, si sente protetto, in tana.
                meglio se non viene disturbato da rumori o altri stimoli.

                quindi, ad esempio, il posto peggiore dove lasciare un cane quando si esce è nel soggiorno-ingresso all’americana, vicino alla porta d’entrata di casa.[/quote]

                Si infatti mi viene il dubbio che non si tratti di ansia da separazione perché a quanto ho letto e secondo quanto dice L’educatore dovrebbe manifestarsi subito, invece lei a volte sta tranquilla anche 1h, magari davanti alla porta di casa, però si butta giù e dorme, poi dopo 1h si mette a ululare. Altre volte invece inizia a ululare dopo pochi minuti e continua finché non torno, alternando momenti in cui sta a terra tranquilla a momenti in cui ulula…

                #119550
                kasoka
                Utente
                  • @kasoka

                  Il titolo della discussione è un po’ esagerato :lol:
                  In realtà un piccolo problema c’è. Ho un cane che ha ormai un anno, adottata a 4 mesi, meticcio, la madre è un corso, quindi pure lei è venuta grande.
                  Piacevolmente giocherellona e casinista ci sono momenti in cui, forse per l’eccitazione del gioco, abbaia e mordicchia e così via; con un No deciso però si calma e passa tutto, credo di essere riuscito a controllare questa parte.

                  Il problema sorge quando non sono io ad uscire in giardino ma l’altra parte della famiglia, mamma/padre/sorella. I no si sprecano e a volte si mette a saltare e mordicchiare, l’unica possibilità di farle focalizzare l’attenzione su altro è lanciarle la palla o un bastoncino.
                  Secondo voi, è il cane o sono i familiari a sbagliare approccio?

                  #119552
                  kendra
                  Utente
                    • @kendra

                    Se il cane risponde ai tuoi comandi e non a quelli degli altri familiari, non è un problema del cane ma di impostazione del rapporto.
                    Gli altri membri della famiglia che rapporto hanno con il cane? Ci giocano, lo portano fuori, passano del tempo con lei?
                    Il cane ha qualche motivo per accettare di rispondere ai loro ordini?

                    Qui potrai trovare qualche spunto interessante per reimpostare un po’ l’educazione del cane, ovviamente con la pertecipazione anche del resto della famiglia
                    https://www.canedifamiglia.it/index.php/forum/13-educazione-e-comunicazione/17638-cane-che-conosce-i-comandi-ma-che-volutamente-non-li-esegue#100693

                    https://www.canedifamiglia.it/index.php/forum/13-educazione-e-comunicazione/15003-rieducare-un-cane-cucciolo-dominante-possessivo-mal-educato?limitstart=0

                    #119554
                    kasoka
                    Utente
                      • @kasoka

                      Grazie per i link alle varie discussioni, credo di dover convincerli a “perderci” un po’ di tempo.
                      A volte per giorni non entrano in contatto con il cane, e temo pure che il fatto di buttare la palla per calmarla abbia peggiorato il tutto

                      #119626
                      fubiano
                      Utente
                        • @fubiano

                        Comportamento abbastanza normale per un cane giovane ed esuberante, il mordicchiare e saltare ed abbaiare è sintomo di un cane che vuole fare ma non ha abbastanza sfogo e controllo sia da parte del cane che degli umani sul cane , i no servono sino ad un certo punto e se non sono efficaci perdono di significato. è chiaro che in famiglia ci sarà sempre una persona che avrà un maggior ascendente sul cane ma se il cane è inserito correttamente in un ambito famigliare anche per gli altri umani non dovrebbe essere difficile averne un minimo di controllo.
                        detto questo ci vuole pazienza e coerenza, per dare consigli seri si dovrebbe vedere il cane ma qui possiamo andare sul generale: io cercherei di coinvolgere il cane nel gioco, ma con delle regole es gli piace la palla? lo metto fermo la tiro e poi me la faccio riportare logicamente tutto per gradi prima la tiro e mela porta , non me la lascia ai piedi ma me la dà quindi gli impongo un lasci, quando lo fa la mando quando dico io , poi posso pretendere che me la dia da seduto ecc. Stessa cosa posso usare la palla come premio quando viene, in tutto questo però ci vuole gradazione se no diventa palla dipendente.
                        In effetti avergli buttato la palla senza regole ai suoi occhi era un premio al suo comportamento, quindi mettiamo delle regole. E grandi passegiate possibilmente libero, ambiente permettendo.

                      Stai visualizzando 10 post - dal 121 a 130 (di 130 totali)
                      • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.