Morfologia funzionale: la forma del comportamento del cane

 

MORFOLOGIA FUNZIONALE: LA FORMA DEL COMPORTAMENTO DEL CANE

di Vittorino Meneghetti 

In quarantasette anni di studi, ricerche e viaggi condotti nei diversi Continenti, dopo una vita dedicata a preparare e condurre cani di tutte le razze in prove di lavoro internazionali in Italia ed all’estero, dopo essermi cimentato persino con qualche soddisfazione nell’allevamento delle razze che seguivo più da vicino, torno a interrogarmi sulla direzione che ha intrapreso la cinofilia ufficiale, quella che dovrebbe stabilire la giusta formula per la selezione delle razze dal punto di vista zootecnico.

La domanda fondamentale, a cui non mi sembra che qualcuno sinora abbia saputo o voluto dare un’autorevole risposta, verte intorno alla morfologia: abbiamo capito davvero che cos’è la forma del comportamento?

Nella mia vita mi sono occupato principalmente di cani da utilità: razze tra loro molto diverse, che variano dal Dobermann, al Rottweiler, al Pastore tedesco, al Pastore Belga Malinois, etc.

Analizzando queste razze, che sono tra le migliori razze da difesa, ci rendiamo conto che hanno delle forme anatomiche molto differenti: un Dobermann è differente da un Rottweiler, un Rottweiler è differente da un cane da pastore, etc. etc.

Sappiamo che la cinofilia ufficiale (F.C.I.) è nata nel 1911, cioè circa cento anni fa. Io che professionalmente “nasco” una cinquantina di anni fa, ho assistito ad un graduale ma drastico decadimento ed involuzione dei cani, soprattutto in quelli da difesa ed utilità.

Certamente non posso aver visto tutti i cani del mondo, ma diverse migliaia di cani posso assicurare di averle viste! e di averle viste impegnate in brevetti di lavoro, ZTP, prove di selezione… non ostante ciò e non ostante le esposizioni di bellezza, create dalla cinofilia ufficiale per giudicare e scegliere i soggetti “migliori”, l’involuzione è stata inesorabile in particolare nei due aspetti che io ritengo fondamentali: il primo, che è veramente drammatico, è la salute dei cani; l’altro, non meno importante, è il carattere.

Mi sono chiesto come mai questo processi di involuzione non ha coinvolto nella stessa misura tutte le razze in generale da lavoro; per esempio ho riscontrato che ha avuto un’incidenza minore nelle razze di cani da caccia, questo perché sono state sempre impiegate in base alla funzione (seguita, ferma, riporto, ecc) e nelle condizioni ambientali per cui sono state storicamente selezionate.

Ho indirizzato i miei studi sulle origini del cane da lavoro, a 360°, già nel 2000. Le evidenze storiche hanno dimostrato che tutto cominciò nell’ambiente della pastorizia circa 9/10.000 anni fa. Ancora oggi possiamo osservare che la salute dei cani tuttora impiegati in tale ambito è ottimale e difficilmente si trovano cani con gravi patologie.

 

Il lavoro pastorale, essenziale per la sopravvivenza umana e di conseguenza per quella del cane, che si era auto-addomesticato per collaborare con l’uomo, ha rappresentato il più ferreo banco di prova, anche a livello genetico, per la selezione naturale del cane. Più in particolare, la transumanza è il veicolo della diffusione dei cani da pastore e ciò che li ha forgiati, attraverso forti pressioni selettive: scarsità e bassa qualità di cibo; malattie infettive; infortuni e  morte. Tutti i cani che durante la transumanza funzionavano lavorativamente e resistevano, venivano scelti dall’uomo, che operava una selezione artificiale basandosi sul risultato della selezione naturale (selezione pastorale).

 

Pastore delle Alpi Apuane

 

Ho conosciuto da vicino anche il mondo pastorale moderno, nei diversi luoghi (sempre di meno purtroppo) nei quali tuttora si pratica la pastorizia, raccogliendo numerose testimonianze di cani da conduzione che non solo hanno una vita lunga, ma riescono a lavorare fino a 14/15 anni e non sono rari i cani che superano anche questo limite, quindi con un innalzamento dell’età media.

Ho osservato come i cani non vengano vaccinati contro le principali malattie, sebbene vengano comunque sverminati dopo lo svezzamento. Normalmente i pastori attuano questa pratica in contemporanea, sverminando allo stesso tempo i cani e gli armenti; i pastori sono ben consapevoli che un animale da reddito sano rende di più, anche in termini economici; allo stesso modo, anche un cane sano lavora meglio.

 

rilevazioni morfologiche

 

 

Comunque il tutto finisce lì, non è usuale per un cane da pastore far conoscenza con un veterinario! Questo significa che se hanno una vita medio-lunga e lavorano fino a tarda età è perché sono sani geneticamente, di solida costituzione fisica e con ottimi anticorpi.

Da alcuni anni mi sto dedicando, nel mio centro cinofilo – fattoria didattica, allo studio dei mestieri pastorali svolti dai cani ed in particolare da un’antica razza autoctona, mai riconosciuta dalla cinofilia ufficiale e per questo rimasta al di fuori del circuito delle esposizioni e delle prove sportive. Questo mi dà il grandissimo vantaggio di fare sperimentazioni e studiare sul campo, oltre che sui libri: vivere la pastorizia come un pastore pur non essendolo.

Ho così condiviso esperienze con chi da generazioni utilizza i cani per lavoro. Un pastore novantenne, ad esempio, mi ha raccontato che i cani da Pastore Apuano hanno una pelle tanto resistente ed elastica, che neppure i forasacchi riescono ad infilarvisi.

Io stesso ho riscontrato che durante la stagione estiva, quando cominciano a proliferare le zecche, nessuna di esse si appunta alla mia femmina di Pastore Apuano, mentre invece devo prestare molta attenzione a quelle che si attaccano al mio Australian Kelpie (razza che si è sviluppata molto recentemente). Questo perché il Pastore Apuano ha sviluppato nel tempo, lavorando a stretto contatto con gli ovini, un sottopelo talmente fitto e stopposo da impedire alla zecca di impiantarsi sulla pelle. Evidentemente anche questa è selezione genetica!

Mi ritornano allora in mente le parole del mio amico Daniele Piacentini, che ha sempre affermato: <<è il lavoro che determina il tipo e non viceversa>>.

 

A questo punto possiamo introdurre il concetto della forma del comportamento.

Esistono molte razze di cani, ognuna esegue un compito ed un lavoro specifico, in un modo specifico, in un contesto specifico.

Ognuna di esse ha un aspetto fisico unico, con-relato ad un profilo comportamentale adatto allo specifico compito e lavoro, ma è la particolare struttura anatomica che permette ad ogni specifica razza di compiere il suo lavoro più adeguatamente rispetto ad un’altra.

Prendiamo ad esempio proprio il cane da pastore Apuano e in generale tutti i cani da conduzione: sono strutturati fisicamente con una taglia medio-piccola di tipo lupoide, per poter svolgere al meglio il compito di conduttori di greggi al pascolo.

Osservando invece ad esempio il cane Corso, vediamo che è strutturato fisicamente di taglia medio-grande (di tipo molossoide) per poter svolgere al meglio le sue mansioni, di gestione di bovini e suini nell’ambito della masseria.

Un altro esempio è costituito dai Terrier da lavoro (Patterdale), strutturati fisicamente con una taglia piccola ed un torace di circonferenza ridotta, per poter svolgere al meglio il compito di cacciatore di nocivi in tana (tasso, istrice, volpe).

Per tutte le razze, con-relato alla forma del comportamento è il concetto dell’ambiente di sviluppo.

In base a questo è possibile formare e condizionare il comportamento del cane adulto, in modo tale che dia le prestazioni ottimali per il suo lavoro specifico, qualunque esso sia. Ovviamente alla base c’è un ottimo bagaglio genetico, di doti naturali e memoria di razza.

In sintesi: per ottenere il corretto comportamento del cane adulto ad un lavoro specifico, è importante far crescere il cucciolo e fargli fare esperienza (socializzare) con quella che sarà la specie animale con cui dovrà convivere, l’ambiente in cui dovrà vivere ed operare.

Questa è una selezione naturale perpetrata per secoli, che ha forgiato il cane da lavoro in ambiente pastorale; anche il cane da lavoro da difesa ed utilità viene proprio da questo mondo!

Allora mi chiedo: come mai le prove moderne di difesa ed utilità non hanno prodotto lo stesso risultato? Forse perché la cinofilia ufficiale non ha ancora capito il concetto della forma del comportamento!

Poniamoci proprio questa domanda: quale è la forma ideale del cane da difesa ed utilità? Quella di un Dobermann? Quella di un Rottweiler? Oppure quella di un Pastore conduttore (Pastore Tedesco e Pastore Malinois)?

Stiamo comunque parlando di cani catalogati dalla F.C.I. come cani da difesa e utilità, per i quali sono previste le stesse prove di lavoro.

Ad un attento osservatore, non può essere sfuggito il fatto che in questi ultimi cinquant’anni i campionati del mondo di addestramento da difesa e utilità sono stati sempre vinti, per trent’anni dai Pastori Tedeschi, e negli ultimi quindici anni dai Pastori Belgi Malinois.

Da queste osservazioni emergono due dati:

  1. il primo è che, se prendiamo come dato indicativo che i campionati mondiali sono sempre stati vinti da due cani da pastore conduttori, possiamo dire che la forma del comportamento migliore nel campo della difesa ed utilità (per come viene esercitata nelle prove di lavoro ufficiali) potrebbe essere quella di un lupoide di media taglia costruito in un rettangolo;
  2. il secondo è che, nonostante questi risultati, le razze da difesa ed utilità si sono comunque deteriorate nella salute e nel carattere.

 

Non credo che si possa affermare con certezza in modo universale quello che emerge dal primo punto; quanto meno, attualmente non ci sono dati scientifici che possano decretarlo, ma ancora una volta l’osservazione empirica ci dimostra come i migliori cani da lavoro, sia dal punto di vista strutturale che da quello funzionale, anche nell’ambito della difesa ed utilità siano quelli forgiati dal mondo pastorale.

 

Malinois in Mondioring

 

Per salvaguardare queste razze, nelle quali sempre meno si trovano ancora esemplari idonei al lavoro, è però indispensabile ripensare radicalmente il metodo di selezione e di riproduzione: le valutazioni morfo-funzionali devono essere condotte in ambiente di lavoro, ma soprattutto deve cambiare la cultura di quanti se ne occupano in modo professionale ed ufficiale, perché il concetto di bellezza deve essere sinonimo di utilità!

 

 

 


 

Le immagini, riprese in occasione della Manifestazione Cinofila tenutasi il 6 e 7 luglio a Zeri (MS) ritraggono: dimostrazione di lavoro con bestiame; rilevazioni morfologiche di Cani da Pastore Apuano; dimostrazioni di addestramento (mondioring), per le quali si ringraziano l’Azienda Agricola Merletti, l’Azienda Agricola Cavallanail KristAle Club ed il figurante Simone Fassina.

Forum Morfologia funzionale: la forma del comportamento del cane

  • Questo topic ha 96 risposte, 14 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 6 anni, 8 mesi fa da fongaros.
Stai visualizzando 15 post - dal 31 a 45 (di 97 totali)
  • Autore
    Post
  • #35063
    espada
    Utente
      • @espada

      Sono completamente in disaccordo, un buon cane da difesa, contrariamente ad uno da guardia, deve avere una caratteristica fondamentale, ovvero deve poter essere condotto in tutta tranquillità in mezzo alla gente, dimostrandosi calmo e pacifico e deve intervenire solo in caso di reale minaccia.

      … o ancora meglio, intervenire solo a comando!
      (ecco perchè il Pastore Tedesco ed il Belga, o comunque tutti i Pastori “conduttori” riescono ad adattarsi benissimo, mentre i Pastori “guardiani” in generale no, essendo poco dotati di “docilità”)

      proprio a conferma di quanto hai enunciato, ricordiamo che prima di sostenere le prove di lavoro (IPO) le razze “da difesa” vengono sottoposte a prova di selezione (ZTP) e di affidabilità (CAE BH)

      #35064
      Cozmo
      Utente
      • Località: Lugano
      • Genere: Maschio
        • @cozmo

        … o ancora meglio, intervenire solo a comando!

        Ma se poi un malvivente ti afferra e ti tappa la bocca sei fregato. :P

        #35065
        espada
        Utente
          • @espada

          :mrgreen:

          #35069
          gcb
          Utente
            • @gcb

            quando mi riferisco ad “alcuni X” parlo di razze locali, non di un soggetto “atipico”, giusto per specificare.
            beh, le razze che ho citato non sono dei veri e propri guardiani, possono fare la guardia perchè sono diffidenti, ma non sono nate per quello, tra l’altro molto prima della selezione delle 4 razze tedesche(che ben inteso funzionano pure se ben selezionate e messe in condizione di lavorare), forse il rott un po’ meno degli altri.
            comunque è vero quello che dice Cozmo, queste razze, e non solo queste, essendo molto ma molto toste richiedono una conoscenza ed un lavoro veramente mostruosi. sennò sono cani decisamente più rischiosi del pastore tedesco che attacca a comando. anche perchè questi attaccano qualsiasi cosa “sospetta”. vanno quindi portati fin da cuccioli in ogni situazione in cui si vorrà portarli da adulti, ciò che non è conosciuto verrà sempre equiparato ad una situazione sospetta.

            per evitare che i pastori possano vincere su di un dobermann o su altro cane da difesa basterebbe creare prove in cui non sia la capacità del pastore di adattarsi a mansioni diverse ma diffidenza ed “aggressività verso il sospetto” ad emergere. certo, è utopistico, ma questo avrebbe senso in selezione.
            una prova che può essere svolta anche da qualsiasi cane “adattabile” non è necessariamente una prova valida.
            mi rimane sempre il sospetto che il cane che “agisce a comando” sia potenzialmente incapace di agire in determinate situazioni, e se fosse richiesta una buona dose di “capacità decisionale”?

            #35070
            espada
            Utente
              • @espada

              per evitare che i pastori possano vincere su di un dobermann o su altro cane da difesa basterebbe creare prove in cui non sia la capacità del pastore di adattarsi a mansioni diverse ma diffidenza ed “aggressività verso il sospetto” ad emergere. certo, è utopistico, ma questo avrebbe senso in selezione.

              basterebbe che dovesse sostenere uno scontro vero, come facevano le selezioni per l’esercito una volta… (molto prima dell’introduzione del Brevetto Sch-H)

              mi rimane sempre il sospetto che il cane che “agisce a comando” sia potenzialmente incapace di agire in determinate situazioni, e se fosse richiesta una buona dose di “capacità decisionale”?

              no, perchè il comando viene “programmato” con l’addestramento e non necessariamente deve consistere in un ordine verbale da parte del conduttore!

              rimando a quanto aveva scritto Pino pochi messaggi fa…

              ad esempio nel mondioring, ci sono situazioni (es. figurante che minaccia con barrack) nel quale il cane deve attendere, altre situazioni (es. il figurante mette le mani addosso al conduttore) nelle quali il cane deve intervenire spontaneamente

              queste razze, e non solo queste, essendo molto ma molto toste richiedono una conoscenza ed un lavoro veramente mostruosi. sennò sono cani decisamente più rischiosi del pastore tedesco che attacca a comando

              da un profondo conoscitore come te, la definizione “razze toste” proprio no, dài… :P

              ci sono (pochissimi rispetto alle decine di migliaia in circolazione) Pastori Tedeschi che hanno una pericolosità elevatissima…
              i confronti servono a poco: è più forte il gorilla o l’elefante (è più forte la formica)? è più pericoloso il cobra o la tigre (è più pericoloso il virus Ebola)?

              :cheer:

              tornando in topic, però: la FORMA DEL COMPORTAMENTO (cioè la morfologia) dei Pastori Guardiani (e penso pure del Mastino Tibetano) mi sembra perfetta, per la funzionalità cui devono assolvere e per le condizioni ambientali in cui vengono impiegate

              la morfologia dei “cani da difesa” invece è stata nel tempo sempre più allontanata da quella che doveva essere la loro “forma di comportamento”, questo credo fosse il sasso nello stagno che voleva gettare Vittorino

              #35071
              gcb
              Utente
                • @gcb

                certo, non è e non deve essere mai uno scontro “a chi ce l’ha più grosso”, tutto si basa sulla diciamo “predisposizione” ad attaccare. però dai, ognitanto ho voglia di dire anche io “razze toste” :P
                lo so, ci sono pastori tedeschi molto forti nelle prove di lavoro, ma perchè “insegnare” ad uno quello che un altro fa naturalmente?
                infatti ho parlato di “selezioni particolari” proprio perchè, spesso è volentieri, dove la FCI ha dettato legge è successo il disastro. un fila CAFIB è quasi la metà di un fila FCI…
                in questo Vittorino ha, secondo me, pienamente ragione. molte razze di oggi sono da difesa solo sullo standard FCI.

                tornando in topic ogni cane che sia stato selezionato lentamente, nel corso dei secoli, è “morfologicamente perfetto”. il problema è quando si comincia a pensare quanto starebbe bene con “un po’ di pelle in più e le zampe leggermente più corte…”

                #35073
                espada
                Utente
                  • @espada

                  scusa, dimenticavo che ANCHE le razze cui ti riferivi, che dovrebbero essere rozze agricole rustiche essenziali o come vogliamo chiamarle, nelle “valutazioni morfologiche” sempre più risentono di giudizi orientati alla “bellezza” invece che all’utilità… mentre invece nelle foto di certi “landraces” che hai condiviso, si scorge proprio un adattamento al clima, al territorio ed alle condizioni di vita che si sono forgiati in tempi lungjissimi!

                  #35074
                  dogbite
                  Utente
                    • @dogbite

                    Il tutto ,riassunto: è la funzione a fare il tipo e non il tipo a fare la funzione.

                    #35075
                    gcb
                    Utente
                      • @gcb

                      @ Espada: assolutamente sì, purtroppo molte razze vengono rovinate per renderle più “attraenti” per la massa.
                      @ Dogbite: condivido.

                      #35128
                      pegher
                      Utente
                        • @pegher

                        per evitare che i pastori possano vincere su di un dobermann o su altro cane da difesa basterebbe creare prove in cui non sia la capacità del pastore di adattarsi a mansioni diverse ma diffidenza ed “aggressività verso il sospetto” ad emergere. certo, è utopistico, ma questo avrebbe senso in selezione.
                        una prova che può essere svolta anche da qualsiasi cane “adattabile” non è necessariamente una prova valida.
                        mi rimane sempre il sospetto che il cane che “agisce a comando” sia potenzialmente incapace di agire in determinate situazioni, e se fosse richiesta una buona dose di “capacità decisionale”?

                        I cani da pastore conduttori hanno capacità decisionale.
                        Mi chiedo dove fossero tutte queste razze nel periodo della guerra fredda.
                        Credo che a pattugliare il muro fossero in prevalenza pastori tedeschi, ed era richiesta una notevole dose di aggressività (ricordo una femmina importata che faceva servizio al muro. Terribile!!)

                        #35135
                        gcb
                        Utente
                          • @gcb

                          Pegher, spesso in certe situazioni veniva utilizzato il cane più facilmente reperibile/allevabile in loco, nel caso del muro di Berlino il pt era sicuramente il più semplice, economico e standardizzato cane da perlustrazione reperibile.
                          nel caso dell’ex URSS invece si utilizzavano selezioni basate sui pastori del Caucaso, ecc.
                          non metto in dubbio che questi pastori tedeschi fossero “terribili”, ma se penso a cani mostruosi mi vengono in mente aneddoti e fatti che, al massimo, racconterò in pvt a chi interessato.

                          #35139
                          pegher
                          Utente
                            • @pegher

                            La Germania dell’est faceva parte dell’ex URSS…
                            Come qualcuno ha scritto qualche post prima, non vorrei diventasse un giochino a “chi ce l’ha più grosso”.
                            A livello sportivo (IPO) i cani che ora vincono sono quelli con forte predatorio. Non molti anni fa erano quello molto aggressivi.
                            La società attuale “premia” cani più docili.

                            #35141
                            peter-parker
                            Utente
                              • @peter-parker

                              A livello sportivo (IPO) i cani che ora vincono sono quelli con forte predatorio. Non molti anni fa erano quello molto aggressivi.
                              La società attuale “premia” cani più docili.

                              Quoto

                              E’ cambiata l’etica dell’addestramento, si vuol vedere un cane che lavora “felice” un cane “positivo” ed è normale che il cane che và alla manica in predatorio ed è lavorato in predatorio sin dal primo lavoro con lo straccetto è un cane che stà “giocando” con il figurante.
                              Un cane aggressivo con alta tempra lavorato in aggressività è un cane potenzialmente pericoloso, per me.

                              #35142
                              dogbite
                              Utente
                                • @dogbite

                                Si ma un cane da lavoro sportivo non fa lo stesso addestramento di un cane da lavoro civile.
                                Se devo preparare un cane alla manica sportiva lavoro il cane in un certo modo se lavoro un cane antisommossa lo lavoro diversamente.
                                Un cane da difesa nasce per il lavoro civile e non sportivo.

                                #35145
                                espada
                                Utente
                                  • @espada

                                  Un cane aggressivo con alta tempra lavorato in aggressività è un cane potenzialmente pericoloso, per me.

                                  è potenzialmente pericoloso anche un cane con poca tempra (in certe situazioni), è pericoloso un cane aggressivo anche se non è lavorato in aggressività…

                                  la differenza secondo me sta nell’insegnare al cane a DISCRIMINARE le situazioni nelle quali gli è richiesta un’azione antagonista e le situazioni nelle quali gli è inibita

                                  quindi l’addestramento fatto bene, su qualunque dote naturale faccia leva, riduce comunque la pericolosità del cane

                                  è invece pericolosissimo quando il cane viene “lavorato” da un deficiente

                                Stai visualizzando 15 post - dal 31 a 45 (di 97 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.